martedì 22 maggio 2012

Young Adult

3
2011, Jason Reitman.

Jason Reitman torna al cinema con un'altra commedia singolare, protagonista questa volta è Charlize Theron, e ritrova anche Diablo Cody, che aveva scritto Juno, suo secondo film se il vecchio detto squadra vincente non si cambia allora Young Adult ne conferma la regola.


Charlize Theron, interpreta Mavis Gray, una ghost writer di libri per bambini incapace di trovare una sua identità, divorziata, e non è stata capace di farsi una vita, ha la classica Sindrome di Peter Pan, ma qualcosa si risveglia in lei, tramite la posta elettronica viene a sapere che il suo ex del liceo, ha avuto una bambina ed è felicemente sposato, così decide di tornare alla vecchia cittadina, e cercare di conquistarlo, ma un altro ragazzo del liceo, suo amico, che lei crede omosessuale cercherà di farle capire che quello che vuole fare è un utopia, e che il suo ex non lascerà mai la moglie, riuscirà Mavis a crescere veramente?

Jason Reitman si conferma un regista interessante e curioso, e il ritorno alla collaborazione con Diablo Cody conferma che in coppia sono una squadra vincente, e si vede, riescono ad imbastire la trama, in modo coinvolgente e mai banale, riuscendo anche a fare riflettere.

E’ una commedia intelligente e strepitosa, su una persona, forse una sognatrice, che si illude di raggiungere un qualcosa che non potrà mai raggiungere, vuole tornare ai vecchi tempi, ma il tempo passa per tutti, lei è ostinata, ed è talmente attaccata a quel sogno, che crede fermamente che potrà riconquistare il cuore del suo ex, che a molti può sembrare una pazzia, ma a lei che oltremodo si veste come una teenager, con la felpa di hello kitty, e porta con se il cagnolino su una borsetta come Paris Hilton, si potrebbe dire che sia una bambina cresciuta, che sia immatura, e forse è vero, ma chi lo dice che sognare o anche illudersi, non sia qualcosa che accade perché si ha il coraggio di farlo accadere? Anche se non succede niente, lei è capace di sognare, in un mondo ormai troppo attaccato alla realtà, e anche se non raggiunge mai quel sogno, - e come potrebbe, la vita è molto diversa da come sognamo, o da come ce la imamaginiamo.

Naturalmente Mavis, che conquisterà più un'altra persona che realmente il suo ex, capirà che forse il suo cuore, e la sua vita non camminano sulla stessa via di chi si è costruito una famiglia, come nella scena strepitosa del battesimo del piccolo, in cui all’ultimo si accorge che a volerla invitare è stata proprio la moglie del suo ex, con cui ha litigato, è arrivato il momento di crescere? E Mavis crescerà finalmente?

Il film non parla di immaturità, e come potrebbe, parla soprattutto di chi infondo cerca se stesso, e ha il coraggio di partire dove è cominciato tutto, e può capitare che la nostalgia del passato che ovviamente non c’è più, ci faccia riflettere sul nostro futuro e su ciò che vogliamo veramente.

Jason Reitman dirige in maniera spigliata e intelligente, coadiuvato da un cast in cui spicca una strepitosa Charlize Theron che interpreta riuscendo a caratterizzare il suo personaggio in maniera frizzante, si capisce subito che il regista ha lasciato esprimere la sua attrice nel modo migliore, lo script di Diablo Cody è ovviamente la ciliegina sulla torta, e il loro ritorno alla collaborazione è stata una sorpresa più che gradita, per una che come me ha apprezzato Juno.

Consigliatissimo.

ArwenLynch


3 commenti:

  1. una non-commedia sorprendentemente intelligente.
    e matura. o quasi... :)

    RispondiElimina
  2. mi sono convinto a guardarlo! :)
    grazie Arwen... un bacio

    RispondiElimina