sabato 28 aprile 2012

The Naughty Stewardesses - Attenti... arrivano le Svedesi tutto Sesso!

2
1975, Al Adamson.

Pellicola della Premiata Ditta Sherman-Adamson che insegue il successo del tedesco "Die Stewardesses/Le Hostess" (1971) di Erwin C. Dietrich, uno specialista, con Ingrid Steeger, ma anche e probabilmente "Le Porno Hostess in 3D/The Stewardesses" (1969) di Al Silliman Jr.

Dal titolo della distribuzione italiana sembra che si debba assistere ad un'orgia senza fine ma, in realtà, Adamson non ci pensa neanche a mostrare qualcosa in piu' del dovuto. Pura sexploitation , interpretata dalla bella starlette Connie Hoffman (spesso accreditata come Connie Marie Hoffman e Connie Lisa Marie) che avrebbe meritato certamente qualche dollaro in piu' di quelli raccolti in ambito exploitation (solo sei titoli, tra cui doppia apparizione nel serial Tv "Starsky & Hutch"). Ne riparleremo, o forse no. Sono della partita pure Marilyn Joi (qui come Tracy King) splendida amazzone nera spesso avvistata in ambito blaxploitation ("Black Samurai" sempre di Adamson) e la Donna Young di "Intimità Proibite" di Don Edmonds.

Sul plot, bè potete immaginare. Adamson era uomo buono per tutti i generi, horror, biker-movie, persino un fanta-erotico-musical come "Cinderella 2000", per cui fa il suo sporco lavoro anche in questo caso, come da par suo. Tutto senza soldi, ma ci sono le ragazze da guardare. Il film ha generato un sequel immediato "Blazing Stewardesses", con Yvonne DeCarlo e Regina Carrol, la moglie di Adamson. C'è pure il vecchio Robert Livingston, che dopo una marea di ruoli in serial Tv western, chiuse di fatto la carriera con i film di Adamson (anche se "Girls For Rent/I Spit On Your Corpse", 1974 con Georgina Spelvin, non è affatto male), il quale chiuse la carriera in tutt'altro modo, ucciso da Fred Fulford e seppellito sotto una colata di cemento il 2 agosto 1995. Fotografia del benemerito Gary Graver, regista hard. Dvd della E.I. Indipendent NTSC Region 1, ratio 1.33:1.

Buona visione.
Belushi













2 commenti:

  1. Si è vero "Girls for Rent/I Spit on Your Corpse" non è male, belli i titoli di testa e la musica, seppur la Spelvin si vede che fuori dall'ambito spompinatorio come attrice è unicamente dall'espressione corrucciata.
    Quindi questo film di Adamson (autore del biker movie cultualissimo -non ho mai capito del tutto perchè-, "Satan's Sadist") non è buono manco per vedere un pò di caldi buchini?
    Ma quell'altro che citi "Intimità proibite" di Don Edmonds, almeno quello è buono per essere uno di quei film della rassegna da vedere "sotto bocchini"? tu sai cosa intendo...

    RispondiElimina
  2. Ahahaha...pure "Intimità proibite/Tender Loving Care" è più o meno sulla stessa linea, per la rassegna "sotto bocchini" è sempre mejo andare sul sicuro con cose "The Ecstasy Girl", "Taboo" con Kay Parker, "Insatiable" con la Divina Marilyn Chambers o, proprio per farsi del male "New Wave Hookers", infallibile, ma che te lo dico a ffare.

    RispondiElimina