venerdì 10 agosto 2007

Una giornata particolare

5

1977, Ettore Scola.

La giornata particolare si svolge nel 1938, durante una visita acclamatissima di Hitler in Italia. Ma soprattutto è molto particolare per lui (Mastroianni), un tipo particolare, per quanto è già stabilito dovrà accadergli.
E lo sarà per lei (Loren), casalinga in casa fascistissima, che resterà sola a casa, con marito e 6 figli alla grande adunata.

Lo conoscerà, per un caso banale, ma sarà un incontro fatale, per entrambi seppur per diversi motivi. Lui, stanco della vita, ritroverà una ragione e lei, annoiata ed imbruttita nell'animo quanto nel corpo, troverà un amore e soprattutto un metro di confronto per quelle che, fino a prima, dava per scontate convinzioni e morali.

E' un film molto delicato, che da tempo volevo vedere e mi ha entusiasmato. La Loren è bravissima ma la recitazione di Mastroianni, proprio per il ruolo, è da urlo ai 4 venti! Bisogna curarne ogni gesto, ogni mossa...

Bellissima anche la regia, e qui permettetemi 2 citazioni che non vi rovineranno nulla della visione.
La scena iniziale, dove la telecamera inquadra le varie finestre del condominio, alla mattina presto, con un movimento lento e circolare, è spettacolare. Un risveglio all'unisono di tutti che senza parole infonde proprio la sensazione dell'evento collettivo importante che dovrà svolgersi.
Un'altra scena in cui, in piano scena, lui e lei occupano vani distinti dell'appartamento completamente ai lati dell'immagine separati da un muro ed inquadrati dalla camera attigua. E' impossibile mantenere a fuoco gli occhi su entrambi, se li "miri" in mezzo vedi ambo i protagonisti sfuocati, con lei sempre immobile e lui indaffarato mentre l'ansia dello spettatore palleggia su entrambi in attesa del cenno o del movimento che sblocchi quel momento importante del film.


5 commenti:

  1. No senti. Io sarò fissata coi film recenti e vabbè. (Dai qualche volta infilacene dentro uno solo...di quelli ...hai capito!?!) ma qua. Che non si commenti una giornata particolare no eh. No eh. Ma non scherziamo nemmeno. Ma roba da matti. E' un film di una delicatezza disarmante...che io ritrovo sulla scena della terrazza...no????
    *Gabriele: “Antonietta, io non avevo, ti assicuro, nessuna intenzione!”. Ma lei con tono accusatorio: “No, ma che! Mi avete abbracciata per combinazione! Voi uomini siete tutti uguali… ma io me l’aspettavo”.*

    RispondiElimina
  2. madonna... ti mando baci, abbracci, tutto l'affetto possibile! marito permettendo eh...
    stasera guardo winter's bone e ne ho in programma un altro recente poco noto, apprezzerai. direi che ti meriti di fare tutte le richieste possibili!
    :*****

    RispondiElimina
  3. Ahahah, Roby li prendo tutti...tranquillo ahahah, anche il marito è tranquillo! Dai the winter's bone? Mi freghi così? Eh va beh! Le mie richieste...so che non le potrai esaudire...ma tanto io spulcio tra le tue scelte e trovo sempre...uh se trovo!!! E poi con il commneto ai miei fiori oggi, secondo me qualcuno è rimasto scioccato...ahahahah ! Grande Roby! Avanti così!

    RispondiElimina
  4. OK ! ahah!
    ah ma arriveranno anche Wall Street, Social Network, il cigno... al tempo, più di un film al giorno non metto ;-)
    ero sincero sui fiori, giurin giuretta! :D

    RispondiElimina
  5. Dai? Grandioso!!! Sìsìsìsì...che bello ( mi sto già fregando le manine) e dì la verità che non pensavi che conoscessi anche un pò di cinema....:)

    Per i fiori...sei stato un grande...hai smosso il mio blog...ahahah:)

    RispondiElimina